Bandiera

Canzoni siciliane

Sicilia
Enna
Flag Counter

Cantu di lu carritteri

(Canto del carrettiere)




Canzone popolare siciliana



Canta
Gian Campione
(1946 - 2005)






Lu focu di la pagghia pocu dura,
Quantu l'amuri di la munzignara.
L'amuri tò durau menu d'un'ura,
Vampata capricciusa di magara.

L'occhiu amurusu miu ti vitti chiara,
Surgiva d'acqua cristallina e pura,
Ma inveci eri limazzu di ciumara,
Eri lu stagnu di la fugnatura.

Stannu sunannu a mortu li campani.
Ora c'assassinasti lu mè amuri,
Lu suli s'oscurò, nun c'è dumani
Pi 'stu mè cori chinu di duluri.

Li lupi si stanaru di li tani
Stannu sfussannu tombi e sipulturi,
Cercanu crozzi 'i mali cristiani
Pi daritilli a tia 'n canciu di ciuri.




Il fuoco della paglia poco dura,
Come l'amore della bugiarda.
L'amore tuo è durato meno di un'ora,
Fiammata capricciosa di megera.

L'occhio amoroso mio ti ha vista chiara,
Sorgente d'acqua cristallina e pura,
Ma tu invece eri limo di fiumara,
Eri lo stagno della fognatura.

Stanno suonando a morte le campane,
Ora che hai assassinato il mio amore,
Il sole si è oscurato, non c'è domani
Per questo mio cuore pieno di dolore.

I lupi sono usciti dalle tane,
Stanno scavando tombe e sepolcri,
Cercano teschi di cattivi cristiani,
Per darli a te in cambio di fiori.